PRELUDIO
Autore testi: poesia di Ibn At-Tûbî
Autore musiche: Etta Scollo

UN SOLO BACIO
Autore testi: Poesia di Ibn At-Tûbî, Toti Scialoja
Autore musiche: Etta Scollo

Nella sua bocca spiccano perle
chiuse nel cerchio della corniola.
Acuminate lame di ciglia
sono una spada fine a due tagli.
Un solo bacio su quella bocca
apre il sentiero della paura.

CORRO CON TE
Autore testi: Ibn Hamdis, Alfredo Giuliani
Autore musiche: Etta Scollo, Peter Hinderthür

Corro con te verso i tuoi vent’anni
e tra noi si spalanca quella distesa di trenta
che per l’uomo, si dice, procede all’indietro.
Se tale ha da essere la giusta direzione
correrò ancora con te indietreggiando.
Agguanterò il desiderio trascinandomi
sugli occhi e sul naso.

CALICE
Autore testi: Abû‘Alî al-Husayn, Valerio Magrelli
Autore musiche: Etta Scollo, Giovanni Sollima

Forse un calice conico ricolmo di bevanda
brilla come la luce del mattino.
Come se avesse al centro un tizzone rovente
che lo infrangesse con le sue scintille.
Ricorda ciò che vedi, pensa alla meraviglia
dell’unione dell’acqua con il fuoco.

A IBN HAMDIS
Autore testi: Jano Burgaretta
Autore musiche: Etta Scollo

Cu n’avè-ddir’a-nnui,
limarra ri lu munnu
ca sta terra matturiata,
pistata ri tutt’e-mmarriciuta,
s’avê-ffari pont’e-ppararisu,
ppi-llàzzar’e strazzùn’assicutati
arrèri, dopu tantu tempu
ca nun-ciòv’e-mmancu
nuvuli preni r’acqua s’appénnunu
nto cel’azzurru, c’arristàu
stampat’a-ffoc’ardenti
nta-ll’occi stramuntati r’Hamdis?
Frati miu sbannutu ppi n’aternu,
Ibn amurus’e scunsulatu,
si péssir’i iardina fitti
e-ddanni ca viristi btâ marina
A terr’è-gghjars’e-ccina
ri ciaccazzi mpatiddati.
Se turnassitu ravèru, comu rici,
s’abbarruiss’a menti tova ntunnamenti.
Dda casa ri Not’è sdirrubbata tutta
Ddiu nun-ci intisi ri ssu latu
Ora succi, can’i mànnir’e-llattruna brivittati
scalìin’e-mmancinu ri mprisa.
Aer’agghicàr’i to cucini,
chiddi râ Tunisia e di Manila.
I stracquar’a-tuttinsuprasattu,
ppô-rrispettu râ liggi rê briganti,
a iddi ca n’hanu ddirittu
e-ssù-llùnici ca sbrannìinu,
ppi-bbéniri nta stu nfernu
ri focu e-ddi vilen’ammusculatu,
unni cu passa, macari ri luntanu,
sput’e-gghjetta feli ri sintenzi.

AIUTA IL LIQUORE E TI DA GIOIA
Autore testi: Ibn Al Qattâ, Maurizio Cucchi
Autore musiche: Etta Scollo

Aiuta il liquore e ti dà gioia,
cessa dunque di cavalcare
i giovani e forti cammelli.
Non versare più lacrime
su un luogo di bivacco già ormai distrutto,
svanite persino le macerie,
e vieni di buon mattino al vino
sul quale già son passati anni su anni.

UNA LUNA
Autore testi: Alî Al-Billanûbî, Patrizia Valduga
Autore musiche: Etta Scollo

Una luna! e vissi con lei;
la mia vita è morte ormai.
Lei piangeva dei miei lamenti
così non mi lamentai.
Già avevo ferito il suo cuore
con accuse e lo curai.
E poi quando la notte nera mi vinse l’oltrepassai.
Del mio turbante coronandola senza velo la guardai.
E le intessei drappi preziosi e tutta la drappeggiai.
Ricamai segni ma il presaggio temetti e li cancellai.
E fummo preda delle coppe, svanì il liuto più che mai.
E il legno d’aloe coi suoi fumi di profumo lo colmai.
E Acqua-di-rosa la sua veste strappò: io la rammendai.
E la luna era lì a guardare, per gelosia l’ignorai.
Oh vita di un tempo sereno! di gioie mi deliziai.
Nella sua lingua la descrissi, la lodai e la biasimai.
E con il Corano io difesi chi adoravo e lo saggiai.
Scorderò, Signore, se accosto alla sua guancia a me verrài.

È COSÌ SNELLO
Autore testi: Alî Al-Ballanûbî, Jolanda Insana
Autore musiche: Etta Scollo, Peter Hinderthür

È così snello con le chiappe sode e il ventre piatto,
e bellezza non si confronta con lui che stravince.
Sveglio, fece adirare l’amante e nel sonno a lui si riconcilia.
Era come chi distrattamente scrive un rigo
e poi senza indugio lo scancella.
Avvampa di rossore se la sua parola
non è sincera o non mantiene la promessa.
La spada del suo sguardo trapassò il mio cuore
e il sangue cola e rosseggia sul suo viso.
Dopo la confusione di Babele esiste soltanto
la lingua che parlano i suoi occhi
e tu mi accusi e non tieni in nessun conto
l’amante a cui l’amato donò morte.
Se non avessi puntato lo sguardo,
la gazzella del deserto non cadeva nella rete della coppa.
E non ho fatto nulla di male: lo tirai a me e gli baciai la bocca.
Per lui disarmai il mio cuore di leone
che ora batte come batte le ali la pernice
e contro ogni calunnia ero pronto a riempirmi
le mani delle sue nascoste primizie.
O piccola gazzella, prima del bacio e dell’abbraccio
non sapevo il sapore della vita.
Ma cosa chiedi a un innamorato
sprofondato nell’abbisso di passione?
Dalla fascinazione dei tuoi occhi
mi salverà la preghiera e l’invocazione
più volte ripetuta
o mi salverà l’amore che nutro
per chi mi difende e protegge?
E sta nel cielo dei potenti lui sole dei principi,
bellezza del potere.
Per lui disarmai il mio cuore di leone
che ora batte come batte le ali la pernice.

FIN QUANDO DURERÀ IL MIO ESILIO
Autore testi: Ibn Hamdis, Biancamaria Frabotta
Autore musiche: Etta Scollo

Fin quando durerà il mio esilio
amici per malasorte non diversi
dai nemici che mi assetarono
dell’acqua che arrossa le labbra
e a goderne
cancella ogni altra acqua
e le mie speranze delusero?
Ci sono droghe che più del male ammalano
e io son troppo debole
e palesi le mie false ragioni.
Ecco, eccoti il mio occhio, tu che l’hai visto
dall’alba alla notte velato di lacrime
nella malia del tuo sguardo perduto
né fra le ombre ha più ombra il mio corpo
né pioggia che ne smorzi l’arsura.
E tu, traditrice, vuoi spegner la mia luce
e ti escludi dal saggio raggio del proverbio
che dice
teme l’assenza, essenza del deserto
solo chi vi si è già smarrito.

SICILIA MIA
Autore testi: Ibn-Hamdis, Toti Scialoja
Autore musiche: Etta Scollo

Sicilia mia.
Disperato dolore si rinnova per te nella memoria.
Giovinezza, rivedo le felici follie perdute
e gli amici splendidi.
Oh paradiso da cui fui cacciato!
Che vale ricordare il tuo fulgore?
Mie lacrime.
Se troppo non sapeste di amaro
formereste ora i suoi fiumi.
Risi d’amore a vent’anni sventato
a sessanta ne grido sotto il peso.
Ma tu non aggravare le mie colpe
se l’Iddio tuo già concesse il perdono.
In alto la penombra si dirada
agitata dai veli della luce
ma questa luce è un modo del distruggersi
manda luce chi perde la sua vita.

JÀNCHI (BIANCHI)
Autore testi: Ibn-Hamdis, Emilio Isgro
Autore musiche: Etta Scollo

Jànchi mi divintaru li capiddi
e nun mi basta l’arma di ridiri e cantari
ca quànnu i pila stralùciunu jànchi
fannu na notti nìura.
Era ntò suli jàutu di’ me anni
cchiù forti e ginirusi
quànnu cuddàu la spera di stu suli.
Nun canusciti la rizzetta vùi
chi vota ’u tempu arreri e l’arrifrisca?
Nìuri, mi tìnciu i me capiddi jànchi
mittènnucci all’arbìsciri la notti pi cummògghiu.
Ma unni trovu na tintura eterna
iu ca nun seppi spènniri ’a me vita e nun la tinni ferma?
Friscu era ’u ventu e lèggiu
e murmuriàva ciaurùsu e moddu.
E chidda si muvìu ntrà la nuttata
risbigghiàta di’ lampi ca chiancìanu
scàrrichi e lagrimuni
supra a li morti vurricati ’n terra.
E tu sintisti i trona contr’ê nèuli
e ti parìa di sèntiri ’u stadduni
chi scòncica ’a camidda.
E lampiàva ’u celu, supra e sutta,
comu lampìanu i spati mmenz’all’aria.
Passà na notti a luttu. Na notti dispirata.
Ah, jòrnu, jòrnu, pòrtami sta luci!
Ah, ventu, ventu, quànnu chiòvi a scrùsciu
supra i campagni sicchi,
pòrtami a mìa li nèuli cchiù asciùtti
ch’i vògghiu abbivirari cu’ sti làgrimi!
Comu nnàffiu di chiàntu la casitta
unni nascì e criscì, sia sempre biniditta
di’ me làgrimi amari.
E nun lassari mòriri di siti
ventu piatùsu chi scannagghi i nèuli,
ddi mura asdirrupati e ddu silènziu.
Tu nenti sa’, ma iu ti pozzub diri
c’o suli orbu squàgghia la zabbara
jinchènnu du profumi ’u tempu e l’ària.
Nun ti maravigghiàri: a ddu paìsi
li stanzi ciaurìanu mbarsamati
e vinci sempri amuri e sempri futti
a stu me cori nnammuratu e sùpprici.
Ddà u me sangu, ddà ’a me linfa,
ddà ’a me vita
e ddà curri la menti
comu cùrrunu i lupi a la muntagna.
Ddà eppi pi cumpari u liùni
e ci parrà ô gazzellu piccittu ntrà so tana.
Ah, mari, mari mari tintu,
è tuttu a li to spaddi ’u paradisu
unni campà cuntentu e senza làstimi!
Ddà vitti l’arba e ora chi fa notti èrramu sugnu
e senza patria e senza nuddu.
Ah, mari, mari disgraziàtu,
picchì m’alluntanasti da’ me vita?
Avrìa pigghiàtu ’a luna a fucigghiùni
comu varca bulanti celu celu
ch’arriva ô suli e mi lu strìnciu ó pettu.

NON CREDETE
Autore testi: Abû‘Alî al-Husayn, Valerio Magrelli
Autore musiche: Etta Scollo, Sebastiano Scollo

Non credete, la lacrima dell’occhio
ha la stessa sostanza del mio sangue,
è solo il mio sospiro che la fa uscire fuori.
Il sangue è reso bianco dal calore
di un ardente tizzone:
se quel tizzone si dovesse spegnere,
tutto il mio sangue rimarrebbe rosso.

APPARVE
Autore testi: Ibn Bishrî, Valerio Magrelli / Abd ar-Rahmân, Valerio Magrelli / Abd ar-Rahmân, Valerio Magrelli
Autore musiche: Etta Scollo

APPARVE
Apparve un lampo sul versante di Higiàz
per farmi ricordare di Sulma e di Sa’da,
ed il loro ricordo mi tormenta.
Luccica come spade che ruotano sopra una veste azzurra
sul colore delle tenebre
Per Dio! Ecco che il cuore mi si lacera
al bagliore di un lampo.
Amanti, tutti voi siete afflitti dai lampi?

IL CHIARORE
Il chiarore di un lampo sfolgorante
suscitò nei miei occhi il desiderio
di un’insonnia inquietante.
Tutta la notte, con i suoi bagliori,
estraeva le lame delle spade
da Occidente a Oriente.
Come fossero frecce che infiammate
strappassero le vesti delle tenebre
con il fuoco incendiario.

INTERMINABILE NOTTE (in Arabo)
Interminabile notte fino a parere eterna
senza speranza dell’alba né di luce per sempre.
Il tuo fantasma m’è apparso nel sogno per respingermi
con mio stupore: anche in sogno vieni per dirmi addio.

 [go back to IL FIORE SPLENDENTE]